Passa ai contenuti principali

WordPress più snello, ecco alcuni suggerimenti per farlo

Un solo dato di fatto: il vostro sito in WordPress è lento da fare schifo.  Non sarà agevole trovare i punti di rallentamento del nostro sito ma un tentativo, per gradi, possiamo farlo anche da soli.



Ci sono tre aspetti da verificare separatamente, uniti all'analisi del tool di Google per effettuare i controlli sulla velocità di caricamento delle pagine, che pero' vanno considerati soltanto in maniera indicativa e non per forza presi alla lettera.

Il tool di verifica in questione è il seguente:
https://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/
mentre le cose da verificare sono le seguenti.

Punto 1: usi un Name Server (NS) o un DNS?

Per quanto non sia una regola generale, se possibile è meglio usare i DNS (quindi configurare i domini con record A e/o CNAME): l'uso di NS per quanto sia più veloce e semplice è spesso più lento, il sito risolve in più tempo mentre col record A questo succede molto meno. Provate a cambiare questa configurazione per capire meglio se si tratta di un possibile improvement alla velocità del sito.

Punto 2: eliminare i colli di bottiglia nel codice PHP

Un modo molto sicuro per velocizzare Wordpress consiste nel togliere di mezzo i punti di rallentamento dovuti ad accessi consistenti al database, ad esempio me diante WP_Query. Se possibile, su alcuni hosting si può ridurre l'impatto di queste chiamate con una tabella di cache che riduca il numero di query necessarie a visualizzare la pagina.

Punto 3: ottimizzare il database

Non è sempre vero, anzi è pure una mezza leggenda urbana, che togliendo plugin di mezzo il sito vada più veloce: non c'è logica dietro questo ragionamento, salvo casi molto particolari. Spesso le ottimizzazioni serie passano per azioni specifiche sul database MySQL, cosa che può fare solo personale tecnico specializzato. Uno dei plugin di ottimizzazione del database che potete usare è WP Optimize, a prova di imbranati e newbie.

Punto 4: verificare che l'hosting sia ben configurato

Tutti gli hosting web commerciali vi diranno che è tutto ok e che se ci sono problemi è solo colpa dei vostri siti: ma dobbiamo crederci davvero. A volte cambiare hosting è soltanto un toccasana, quindi a mali estremi provate a valutare questa ulteriore possibilità. Sul sito cherisposi.it ad esempio sono riuscito a velocizzare notevolmente la velocità di caricamento andando ad impostare meglio alcune cose riguardanti la versione di PHP installata, e soprattutto rimuovendo i plugin di troppo.

Ovviamente non finisce qui: per maggiori informazioni potete leggere i miei due articoli sull'argomento:
Velocizzare WordPress, alcune tecniche
WordPress lento, come risolvere
e l'interessante approfondimento di Stefano Corradini su Webhouse:
Come velocizzare un sito in WordPress

Post popolari in questo blog

I giochini hot anni 90: Pocket Gal, Strip Poker e tutti gli altri

Ho parlato in un post su Storify di quelli che erano i videogiochi che preferivo negli anni 90: in questa sede mi vorrei concentrare su un aspetto secondo me davvero divertente del periodo, che riguarda il lato zozzo, per così dire, dei videogame anni 90. Che ancora sopravvive oggi in centinaiadigiochi sexy, a quantopare.
L'elemento ammiccante legato al sesso ed al suo immaginario, del resto, viene da anni osannato anche da giochi che non hanno nulla a che fare con esso (esiste un Tetris erotico, lo sapevate?), per cui preferisco dedicarmi a parlare un po' dei giochi classici, delle loro prime versioni e del fatto che tutti gli attuali trentenni o giù di lì ci abbiano giocato almeno una volta nella vita.
 Tanto per capirci subito, parto da Pocket Gal (1987, della DataEast), che tutti faranno finta di non ricordare - chi? cosa? boh, non so - ma che suonava come un videogioco di biliardo in cui il "premio" consisteva nello spogliare alcune simpatiche donnine.
Una cost…

VPS di Keliweb per siti di ogni genere (anche per adulti)

La ricerca di un hosting per siti adult è spesso poco agevole, e questo perchè le TOS di moltissimi provider non permettono di ospitare siti porno: questo sia per via delle eventuali grane che dovrebbero gestire in caso di abusi, sia per evitare spam o sorprese poco gradite dato che si tratta di portali spesso borderline, se vogliamo. In questo articolo cercherò di fare un po' di chiarezza sull'argomento. Hosting all'estero? Non per forza! Sfatiamo immediatamente una leggenda che mi pare molto diffusa sui forum: non è vero in generale che sia necessario hostare i siti per adulti all'estero. Del resto le leggi italiane restano sempre le medesime, e non è così semplice aggirarle semplicemente acquistando un VPS ultra-low cost in qualche paese esotico, magari, per "farla franca". Credo sia davvero ingenuo, oltre che scarsamente professionale, pensarla così. Resta il fatto che moltissima pornografia online è assolutamente legale, sotto opportune condizioni, per …

Nuova gestione della pagina Facebook per lo Sciabache di Zambrone (VV)

Da qualche mese è attiva la nuova gestione della pagina Facebook dello Sciabache, il resort hotel del Gruppo Macrì con sede Zambrone (VV), che offre da molti anni ospitalità a turisti da tutta Europa. A due passi dalle meraviglie di Tropea, con un mare cristallino a due passi da casa, ed una spiaggia dal tipico colore bianco, Zambrone Marina offre un'enorme spiaggia per i propri ospiti, un clima ideale per bambini, famiglie e gruppi di amici che abbiano voglia di conoscere le meraviglie della Calabria.







Per maggiori informazioni potete contattare il numero +39 0963 392942 oppure scrivere una email da http://www.sciabache.it/it/contatti.html.