Passa ai contenuti principali

Dove un veterinario deve farsi recensire

Lo staff di veterinarioincitta.it ha analizzato i luoghi virtuali dove poter recensire l’operato di un veterinario. Le recensioni sono sempre più importanti per le attività locali come quella di un veterinario; in questo articolo analizziamo i tre portali principali dove poter veicolare le recensioni dei propri clienti: Yelp, Facebook e Google Business

Sicuramente tra i portali più conosciuti c’è Yelp che è un social network tramite il quale gli utenti possono scambiarsi opinioni e pareri su qualsiasi tipo di attività che fornisce prodotti o servizi locali; gli utenti di yelp hanno la possibilità di diffondere in automatico le loro recensioni anche su altri canali social: Facebook e Twitter. Yelp è un portale nato negli Stati Uniti, ma che si sta diffondendo molto anche in Europa. Sempre più spesso nelle vetrine o porte di ingresso delle strutture veterinarie troviamo l’adesivo "Su Yelp ci amano”. Dato che Yelp acquista i dati anche da terzi la tua struttura veterinaria potrebbe essere già presente; in questo caso dovrai rivendicare la pagina della tua clinica, altrimenti crea la tua pagina partendo da qui: https://biz.yelp.it/signup_business/new. Consigliamo di incorporare le recensioni di Yelp sul tuo sito e di condividerle su Facebook e Twitter. 

Un'altro “luogo” dove poter veicolare le recensioni è Facebook: crea la pagina della tua struttura veterinaria se ancora non lo hai fatto, poi attiva le recensioni: sarà sufficiente selezionare “Mostra la mappa, le registrazioni e le assegnazioni di stelle della pagina” durante la procedura di creazione oppure da “impostazioni sulla pagina” -> “informazioni sulla pagina” se la pagina è già stata creata. L’utente su Facebook può lasciare una recensione tramite l’attribuzione di un voto da 1 a 5 dando inoltre la possibilità di accompagnarla con un commento. Tenete presente che le recensioni influenzano l’algoritmo di Facebook: valutazioni alte porranno la tua struttura veterinaria in alto nei risultati di ricerca interna a Facebook. 

Il terzo “luogo” in cui dovete essere presenti è Google Business i cui risultati spuntano su Google ogni volta che nella ricerca viene inserito il nome di una città. Google raccoglie i dati anche da terze fonti ed è per questo che la struttura veterinaria potrebbe essere già presente anche se voi non l’avete mai inserita. In tal caso dovete prima rivendicare la vostra struttura. Poi completate la vostra scheda con i dati mancanti (Luca Ninci).

Post popolari in questo blog

I giochini hot anni 90: Pocket Gal, Strip Poker e tutti gli altri

Ho parlato in un post su Storify di quelli che erano i videogiochi che preferivo negli anni 90: in questa sede mi vorrei concentrare su un aspetto secondo me davvero divertente del periodo, che riguarda il lato zozzo, per così dire, dei videogame anni 90. Che ancora sopravvive oggi in centinaiadigiochi sexy, a quantopare.
L'elemento ammiccante legato al sesso ed al suo immaginario, del resto, viene da anni osannato anche da giochi che non hanno nulla a che fare con esso (esiste un Tetris erotico, lo sapevate?), per cui preferisco dedicarmi a parlare un po' dei giochi classici, delle loro prime versioni e del fatto che tutti gli attuali trentenni o giù di lì ci abbiano giocato almeno una volta nella vita.
 Tanto per capirci subito, parto da Pocket Gal (1987, della DataEast), che tutti faranno finta di non ricordare - chi? cosa? boh, non so - ma che suonava come un videogioco di biliardo in cui il "premio" consisteva nello spogliare alcune simpatiche donnine.
Una cost…

VPS di Keliweb per siti di ogni genere (anche per adulti)

La ricerca di un hosting per siti adult è spesso poco agevole, e questo perchè le TOS di moltissimi provider non permettono di ospitare siti porno: questo sia per via delle eventuali grane che dovrebbero gestire in caso di abusi, sia per evitare spam o sorprese poco gradite dato che si tratta di portali spesso borderline, se vogliamo. In questo articolo cercherò di fare un po' di chiarezza sull'argomento. Hosting all'estero? Non per forza! Sfatiamo immediatamente una leggenda che mi pare molto diffusa sui forum: non è vero in generale che sia necessario hostare i siti per adulti all'estero. Del resto le leggi italiane restano sempre le medesime, e non è così semplice aggirarle semplicemente acquistando un VPS ultra-low cost in qualche paese esotico, magari, per "farla franca". Credo sia davvero ingenuo, oltre che scarsamente professionale, pensarla così. Resta il fatto che moltissima pornografia online è assolutamente legale, sotto opportune condizioni, per …

Generatore automatico di teorie del complotto

Il complotto che ti è stato assegnato è il seguente:
Genera un altro complotto oppure... FATE GIRARE!1!!1!!